Biografia

Elio Stefano Pastore

I miei "maestri" sono tanti, perché molto prima di iniziare l'attività artistica  frequentavo già assiduamente mostre e musei. Amo Vermeer, i Preraffaelliti, la pittura simbolista, ma anche Mucha, Hopper, Magritte e tanti amici pittori contemporanei che ho avuto l'onore di conoscere personalmente.

All'arte frattale che mi ha fatto conoscere dal pubblico, sono seguite una produzione digitale figurativa e simbolista (il Neofigurativo) e ritratti e figure femminili, dipinti o disegnati in modo classico. Questi modi espressivi diversi tuttora coesistono, talora si intrecciano ma hanno un unico intento: celebrare la Bellezza, riflesso del divino. Essa è presente ovunque: si rivela ad ogni passo quando esploriamo la materia, la natura, la figura femminile, gli universi esistenti e quelli della nostra immaginazione.

Elio Stefano Pastore

*********

Elio Stefano Pastore è nato a Torino e vive a Giaveno.
Il suo percorso artistico, iniziato con l’arte digitale (arte frattale, pittura digitale, rendering, incisioni laser su alluminio), successivamente è passato a tecniche miste e infine ai disegni e dipinti realizzati con tecniche classiche. In queste ultime si è perfezionato frequentando per alcuni anni lo studio di Vinicio Perugia e di altri amici artisti.
Negli ultimi anni si è dedicato in prevalenza a dipingere e disegnare ritratti e figure femminili legati al periodo Liberty e alla Belle Epoque, senza tuttavia abbandonare la produzione digitale.
In  25 anni di attività espositiva ha partecipato ad oltre 130 mostre fra personali e collettive, in gallerie e centri culturali in Italia e all’estero.
E' membro della Società Promotrice delle Belle Arti e dell'Associazione Piemonte Artistico Culturale di Torino.

Elio Pastore e Vicente Romero Redondo

Elio Pastore con il grande Maestro spagnolo Vicente Romero Redondo, durante un workshop sul ritratto ad olio tenutosi a Roma nel mese di maggio 2018.